Famiglie thailandesi partner nel commercio sessuale minorile – Una vecchia storia….

0
285

Il post proviene da una traduzione integrale effettuata con google translator da un sito in lingua inglese, quindi non meravigliatevi degli errori giganteschi di grammatica e logica.   


Buona lettura:

Famiglie tailandesi partner nel commercio sessuale minorile
 
Mae Sai, Thailandia – Quando migranti birmani Ngun Chai ha venduto il suo 13-anno-vecchia figlia alla prostituzione a $ 114, sua moglie, La, aveva un rammarico – non hanno ottenuto un buon prezzo per lei.
“Avrei dovuto chiedere di 10.000 baht ($ 228),” La Chai detto. “Ci ha rubato.”
Era arrabbiata che l’agente che ha comprato il suo figlio maggiore, Saikun, nel 1999 la portò a Bangkok, circa 460 miglia di distanza, piuttosto che una città vicina, come promesso. Essa non riguarda La Chai Saikun che sarebbe stato costretto a fare sesso con ben otto uomini al giorno.

Ngun Chai guadagna circa 100 dollari l’anno vendendo ciotole di bambù nel mercato locale e vive in una capanna di paglia nel villaggio di Pa Tek, alla periferia di Mae Sai, una vivace città di 80.000 abitanti sul confine più settentrionale della Thailandia con la Birmania. Le tensioni sono forti fra gli eserciti delle due nazioni e, occasionalmente, portano allo scambio di arma da fuoco sulle acque fangose ​​del fiume Mae Sai che separano le due nazioni.
Ma la violenza occasionale ha fatto nulla per ostacolare la città due i principali commerci – Droga e figlie.

Anche se il traffico di grandi quantità di eroina e anfetamine dalla Birmania e Cina attraverso la Tailandia ha dato alla regione il suo tag infame – il Triangolo d’Oro – è l’esplosione del reclutamento delle ragazze nella redditizia industria del sesso tailandese che ha messo questa città di confine sulla mappa.
Lo scorso dicembre, Mae Sai era alta all’ordine del giorno il Secondo Congresso Mondiale contro lo sfruttamento sessuale dei bambini, tenutosi a Yokohama, in Giappone, dove i governi nazionali e le agenzie di protezione dei bambini si sono incontrati per uno scambio di politiche d’informazione e revisione.

Non ci sono statistiche affidabili sul numero di bambini che lavorano in tutto il mondo dell’industria del sesso, ma la cifra più bassa citato è 1 milione. Il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia stima che un terzo dei lavoratori del sesso a sud-est asiatico sono 12 ai 17 anni di età.
Ogni anno, centinaia di giovani ragazze provenienti da Mae Sai sono sparire nei bordelli di Bangkok, dove si nutrono l’appetito insaziabile del settore 20 miliardi dollari il sesso commerciale, secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro.

“Tendiamo a pensare di traffico quale coinvolgere le organizzazioni criminali sofisticati, ma molto di esso è davvero un cottage industry che coinvolge profittatori di piccolo-tempo”, ha affermato Phil Marshall, direttore di un’agenzia delle Nazioni Unite a Bangkok che controlla il traffico di donne e bambini.
Il Programma di Sviluppo ed Educazione per Figlie e dei Comuni (DEPDC),
un’organizzazione non governativa a Mae Sai che funziona con le ragazze locali, che sono a rischio di essere venduti, stima che di Pa Tek di 800 famiglie, 7 in ogni 10 hanno venduto almeno una figlia in commercio.
Con prezzi che variano da $ 114 a $ 913 – quest’ultima cifra pari al salario quasi sei anni di carcere per la maggior parte delle famiglie – legami parentali nelle famiglie povere si rompono facilmente. In realtà, la prostituzione minorile è così stabilito che gli agenti bordelli molti vivono nel villaggio, e sono spesso amici o parenti della famiglia da cui comprano i bambini.
“Gli agenti arriverà al villaggio con l’ordine di riempire così la gente a Bangkok, uomini thailandesi e stranieri, per lo più europei – possono ordinare le ragazze come loro per la pizza”, ha detto DEPDC direttore Sompop Jantraka. “Se vogliono una ragazza con fianchi sottili e seni grandi, gli agenti verranno qui e trovare lei. Hanno sempre offrire.”



Gli agenti inoltre avvicinare le migliaia di ragazze dalla Birmania, Laos e province meridionali della Cina che attraversano il confine ogni anno. Molti vento a lavorare come prostitute in Singapore, Malaysia, gli Emirati Arabi Uniti e in Australia.
Ma pochi paesi della regione hanno contribuito come figlie numero di Pa Tek.
Popolato da immigrati birmani che hanno attraversato illegalmente la frontiera per sfuggire alla povertà e le persecuzioni da parte dei leader militari della loro nazione, la maggior parte sono consentite dal governo tailandese per vivere e lavorare nella zona di frontiera senza status giuridico. Molti lavorano come braccianti agricoli e guadagnano meno di $ 160 l’anno.
Le profondità della povertà rendono facili prede della zona per gli agenti di bordelli, o “zie”.
La verginità è molto apprezzato. Ad alimentare la domanda per le ragazze giovani è l’ignoranza circa l’HIV-AIDS trasmissione e miti sui poteri curativi della verginità.
Alcuni clienti di bordelli, soprattutto quelli provenienti da Taiwan, Hong Kong e Medio Oriente – credono che un bambino è in grado di trasmettere la malattia e quindi meno rischioso per il sesso. In realtà, i bambini sono fisicamente più soggetto a sanguinamento,
infezione e la malattia, ha detto Marshall delle Nazioni Unite.
Somporn Khempetch, coordinatore della protezione dei minori e il Centro Diritti a Mae Sai, ha detto che 50 ragazze in Pa Tek era morto l’anno scorso da AIDS.

Nonostante i rischi, non mancano i genitori che vogliono vendere i loro figli.
Un recente rapporto dell’ILO sfida pensiero vigente in materia di prostituzione minorile in Asia. La politica è quello di colpire le persone sofisticate reti di contrabbando, ma il rapporto dice che la maggioranza delle ragazze che lasciano i loro villaggi per lavorare nel commercio del sesso farlo attraverso reti informali, e con la partecipazione approvazione e la volontà dei loro genitori.
“Abbiamo scoperto che molte ragazze vogliono uscire di casa e lavorare altrove, preferibilmente in città”, ha detto Hans van de Glind, uno degli autori del rapporto. “Non è tanto un problema di povertà, perché abbiamo trovato che le ragazze di un villaggio, mentre le ragazze si migrare da un altro, altrettanto poveri, non”.
Sompop, di DEPDC, afferma che l’educazione è il modo per allontanare le ragazze di andare a prostituirsi. Prima che i cittadini costituzione thailandese del 1997 garantiti 12 anni di istruzione gratuita, la maggior parte delle ragazze che lasciano Mae Sai per il commercio del sesso erano Thai, dice. Ora, conto Thais meno che il 2 per cento, secondo Sompop.
Con un minor numero di ragazze tailandesi di entrare in commercio, gli agenti hanno gettato le reti più ampio per agganciare i molte ragazze provenienti dai paesi limitrofi che attraversano il ponte sul fiume Mae Sai in Thailandia.
“Questo è un confine aperto”, ha detto Wichai Promsilpa, capo della polizia di Mae Sai. “Migliaia di persone attraversano qui ogni giorno. Non possiamo dire la differenza tra una ragazza di venire qui a comprare uova e una ragazza di venire a lavorare come prostituta.”
Sompop, comunque, dice la prostituzione continuerà fino a quando gli stranieri vengono in cerca di sesso a buon mercato.
“Il confine è stato sempre facile da ottenere attraverso”, ha detto. “Quello che è cambiato è la domanda di queste ragazze. Finché ci saranno uomini stranieri che entrano in questo paese e spendere grandi somme di denaro per le ragazze, questo commercio fioriranno”.
Nel frattempo, i lavoratori DEPDC stanno mantenendo uno stretto controllo sul Chais ‘bella 12-year-old figlia Nangdee. Si preoccupano che gli agenti di bordelli si penzolare l’importo massimo per lei, ma Saikun, la figlia Ngun Chai ha venduto, ha detto, “io non voglio mai mia sorella a lavorare in un bordello.”


fonte: lilith-ezine.com

LEAVE A REPLY