Dove e cosa COMPRARE in Thailandia e VENDERE in Italia

2
858

Se dentro di te c’è un po l’ animo del commercio, sicuramente un viaggio in Thailandia ti stimolerebbe molto in quel senso.

Ci sono molti ariticoli che si possono comprare da portare in Italia e rivendere agli amici, parenti, colleghi, o facendo qualche mercatino domenicale o estivo e ripagarsi così il costo del viaggio.

Ho conosciuto ragazzi che passano 6 mesi in estate nei campeggi, passeggiate, festival musicali a rivendere quello che d’inverno hanno aquistato nei loro viaggi.

Vediamo la Thailandia cosa può offrire:


Scrivo questo post che dividerò in più puntate grazie anche all’esperienza dei miei genitori che per trent’anni hanno comprato in India, Thailandia e Indonesia per poi rivendere nei mercati in Italia,  questa, che è stata la loro attività per anni, era nata con un po’ di acquisti che mio padre fece da giovane per ripagarsi un viaggio in India rivendendo ai colleghi dell’INPS.

Malgrado siano passati anni ancora oggi si incontrano ragazzi che grazie a questa attività riescono ad essere indipendenti e fare dei loro viaggi un lavoro.

THAILANDIA:

Abbigliamento e in particolare  T-shirt. 

Bangkok è uno dei migliori posti al mondo dove comprare magliette o abbigliamento femminie, c’è un intera zona a Pratunam dedicata all’ingrosso, ma in ogni mercato si può trovare merce interessanete.

A parte la merce contraffatta, di cui la Thailandia dispone di un completo campionario di ottima fattura, si può rimanere nell’ambito legale e meno pericoloso  e non per questo meno redditizio.

Ci sono molte marche giovanili anche già conosciute in Italia e nel Mondo che producono in Thailandia e hanno i loro negozi nella zona di Pratunam, qui potete acquistare le loro merci con certificato di garanzia a 4/5 volte in meno il prezzo di vendita in Italia.


Per fare un esempio, una t-shirt venduta come nuovo arrivo, costa in Italia dai 25 ai 40 euro si possono acquistare a Bangkok a 200/300/400 Bath (5/8/10 euro).

Inoltre vi è un ampissima scelta di marchi ancora sconosciuti di roba di qualità che può costare 100/150 Bath (2.5/3 euro) a capo.

Ci sono i margini anche solo per riempire una valigia e rivenderla, a chi si conosce, per ripagarsi  il volo.

Altro ottimo Business  sono i Piercing. 




A parte la varietà di modelli sempre in continuo aggiornamento si può generare un ricavo anche di 10 volte il prezzo di aquisto.

Si compra a 0.5 si rivende a 5 euro.

Sono stato l’altr’anno a Londra a Camden Town, famoso mercato di riferimento giovanile per quanto riguarda le nuove tendenze, metà della roba esposta è comprata a Bangkok.

Argento: 

Negli ultimi anni il costo dell’argento è quasi radoppiato ma si possono ancora comprare anelli, bracciali, collane a un prezzo conveniente, per generare un utile che può andare dai 2.5 a 4 volte il prezzo di acquisto
.
Bisogna mettere in conto che acquistare argento necessità di un capitale maggiore, sopratutto se si parla di argento e pietre semipreziose (corniole,agate,granati,ametiste,quarzi) o ancor di più per pietre preziose.(smeraldi,rubini,diamanti).

Per questo tipo di merce la Thailandia e l’India sono dirette concorrenti ma ci sono differenze nei disegni e nella frequenza di rinnovamento campionari.

In India l’argento con pietre costa leggermente di meno visto che gran parte delle gemme semiprezioze  provengono o sono tagliate li.

In Thailandia il costo è leggermente più elevato ma i modelli sono più accurati, c’è più scelta e più rinnovamento.

Ci sono ancora commercianti che acquistano le pietre in India per poi farle montare in Thailandia, magari su disegni fatti da loro.

Invece per quanto riguarda gioielli in Marcassite,  un tipo di lavorazione tradizionale thailandese,  Bangkok è sicuramente il posto ideale per gli acquisti.

La lavorazione consiste nell’incastonare nell’argento tante piccole paiuzze di pirite (è una pietra giallo scuro simile all’oro ma con un valore molto più basso).

Anche per questo acquisto è necessario avere un pò più di capitale  e come per l’acquisto di argento con pietre, se non se ne ha, conviene andarci con qualcuno con un po’ di esperienza.

Per i commercianti alle prime armi consiglio di concentrarsi sull’ampissimo campionario di gioielleria solo in argento e argento e madreperla.

Anelli,bracciali,orecchini.collane,  merce di  ottima qualità con  modelli giovanili e davanguardia .

Un esempio gli snak quei bracciali o collane in argento che sembrano una coda di topo si possono acquistare a 0.5/0.6 euro al grammo, in Italia il prezzo alla vendita è di 2/2.5/3 al grammo.




fonte: pennyguide.org

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY